LO SCRITTORE, QUALSIASI GENERE EGLI SCRIVA, DEVE ESSERE TESTIMONE DELLA STORIA, PERCHE' IN OGNI ROMANZO SI CELA LA VERITA' DELLA REALTA'.

domenica 22 febbraio 2015

LA STELLA D'ORO - Personaggi realmente esistiti (5)

Nel mio romanzo LA STELLA D'ORO (Zolotaja Zvjezda) personaggi creati dalla mia fantasia si mischiano con personaggi storici realmente esistiti. Noto è che io tenti di infilare le mie trame nella realtà storica, senza variare la stessa, tanto che alla fine potrebbe pure essere accaduto ciò che ho ipotizzato. Premesso questo, il quinto protagonista reale che vi presento è...


Image and video hosting by TinyPic

IZRAIL LAZAREVIC GELFAND
detto
ALEXANDER PARVUS


Pochi al di fuori del giro degli storici, credo che abbiano mai sentito nominare Alexander Israel Helphand, più noto con lo pseudonimo Parvus. Eppure Parvus con la Luxemburg, Lenin e Trockij è una delle “quattro figure storiche che all’alba del secolo hanno elaborato il comunismo contemporaneo” e dei quattro - scrive Zveteremich - “fu il primo in assoluto, colui che non solo cronologicamente, precedette tutti.”

Una figura di cui per molto tempo si è voluta occultare l’importanza sia in Germania che in Russia, i due paesi dove l’influenza di Parvus sulla vita e le scelte politiche dei governi fu spesso determinante. Non è esagerato affermare che senza di lui la presa del potere da parte di Lenin non ci sarebbe mai stata: Parvus è senza dubbio l’ideatore e artefice del famoso viaggio di ritorno in treno di Lenin in Russia. Egli si mosse in accordo con i più alti vertici del potere in Germania e sperò in una rivoluzione democratica nel suo paese, che mirasse subito alla pace con la Germania e che fosse premessa di una pace duratura in Europa. Parvus ben presto si pentì di aver spedito i bolscevichi in Russia, che sperava in qualche modo di dirigere dalla Germania, ma che in realtà una volta al potere sopratutto nella persona del loro leader, non potevano ammettere che la loro “rivoluzione” potesse essere stata programmata a tavolino negli uffici ministeriali di Berlino. Troppo temibile per Lenin, a Parvus quindi non fu mai concessa la facoltà di tornare in Russia, a lui che era stato il primo a teorizzare lo sciopero politico di massa ed a sviluppare l’idea della rivoluzione permanente, a lui che Trockij definì “la più eminente figura marxista della fine del secolo scorso e degli inizi del nostro.”

Parvus muore a Berlino nel 1924, lasciando, a dispetto del suo pseudonimo, un alone di quasi misteriosa leggenda e Zveteremich proprio inseguendo questa “leggenda”, trasmessagli direttamente dal padre che aveva conosciuto personalmente Parvus, ha voluto dedicarsi ad un lavoro che desse più luce e corpo ad una personalità a cui la storia dei fatti ha spesso dato ragione ma alla quale ancora la “storia degli storici” deve rendere giustizia.

(Fonte: Sito Comunista)

Ne LA STELLA D'ORO Parvus è l'uomo che determinerà il ritorno di Lenin in Russia sul treno piombato. Per volere del principe Restjev aiuterà il leader nella traversata essendo egli introdotto nelle alte sfere militari tedesche e avendo acquisito un notevole prestigio come ricco industriale. Compagno di prigionia in Siberia ed evaso, nutre nel romanzo un forte rimorso nei confronti di Lenin che non nega un certo risentimento, ma che ne accetta l'aiuto, l'unico possibile per il raggiungimento di propri scopi. 


Link diretto al libro disponibile in Formato Kindle
http://www.amazon.it/STELLA-DORO-Zolotaja-Zvjezda-ebook/dp/B00CGW2L2U/ref=sr_1_2?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1423178501&sr=1-2&keywords=barbara+risoli

DISPONIBILE IN KINDLE UNLIMITED


Nessun commento:

Posta un commento