LO SCRITTORE, QUALSIASI GENERE EGLI SCRIVA, DEVE ESSERE TESTIMONE DELLA STORIA, PERCHE' IN OGNI ROMANZO SI CELA LA VERITA' DELLA REALTA'.

domenica 27 gennaio 2013

L'ONDA SCARLATTA di Barbara Risoli - Genere storico-sentimentale (Formato Kindle)

Dopo quasi tre anni di silenzio, ma non di inattività; dopo la ripubblicazione in formato Kindle su Amazon dei miei romanzi editi; dopo la decisione di essere un'autrice indipendente...

... ho il piacere e l'emozione di offrire ai miei più fedeli lettori (e non solo) il mio romanzo INEDITO ASSOLUTO

Image and video hosting by TinyPic

L'ONDA SCARLATTA
di
Barbara Risoli

Genere storico sentimentale (romance)

- Formato Kindle -

Prezzo € 1,63

- Scaricabile l'anteprima gratuita -

Link diretto all'acquisto

La trama

Ersilia Alves, duchessina di Cerbére, dalla bellezza disarmante, porta il segno di un destino crudele e a diciassette anni riemerge dal buio della propria esistenza, con il passo claudicante che ne screzia la perfezione.
Astolfo des Chavaux, conte di Rennes, quarantenne impenitente e noto libertino, se ne prende cura per volere del padre, affrontando l’inattesa onda di sentimenti che lo travolgono.
Feroz, misterioso e ultimo dei pirati, dall’abbigliamento barocco e dal volto celato, governa l’inquietante Onda Scarlatta, antico galeone dalle vele rosse come il sangue versato dai nemici dell’uomo.
Sullo sfondo della Francia in fermento del 1789, con il re ostaggio del popolo e profondi mutamenti a mettere in pericolo un’intera classe sociale, s’intrecciano i destini di una donna con il buio dentro e un uomo senza identità.
Quale segreto cela il pirata dalla piuma rossa? E quale forza nasconde il gioiello risorto di Cerbére?
Colpi di scena, rivalità familiari e imprevisti cambiamenti danno il passo a un amore che saprà abbattere il dolore e aprire il cuore al futuro.

L'opinione del mio lettore no. 1 PAOLO FEDERICI

E' finalmente in uscita (anche se solo in formato e-book, disponibile a breve su Amazon) il nuovo libro di una delle mie autrici preferite, Barbara Risoli.
A metà tra “la solitudine di numeri primi” (due sciancati/sfigurati che si cercano e, questa volta, riescono a trovarsi) e le avventure di Sandokan in salsa franco-picaresca, viene riproposto il tema tanto caro a Barbara: il valore del bravo ragazzo (che si chiami Aldo o Astolfo) nulla può contro la bellezza criminale di un antenato di Diabolik.
È sempre il male a vincere, perché l’amore è cieco e la donna sempre più succube. Il femminismo è ancora lontano da venire, mentre il romanticismo è morto e la ragione è sottomessa alla forza dei sensi.
Però a che serve ripetersi, vero Barbara?
Se quello deve essere il tuo karma … che karma sia ed in bocca al lupo (ululante!?).
Ma chi siamo noi per limitarci ad assurdi giudizi morali?
La storia ha tutto un suo fascino oscuro: scorre veloce, si anima di colpi di scena, ci fa viaggiare con la fantasia (tutto ciò che si chiede ad un buon libro, no?).
Azzeccatissimo il contesto storico, quello della Rivoluzione Francese: che sia un riferimento alla situazione attuale ed alla necessità di una analoga Rivoluzione (magari solo “civile”!)?
Paolo Federici
(p.s.: certo che se poi viene fuori che Astolfo è un delinquente e Feroz un … galantuomo, allora cambia tutta la questione! Ma questo lo scopriremo … nel prossimo libro.)

2 commenti:

  1. grazie per questo fantastico libro

    RispondiElimina
  2. Beh, chiunque tu sia.. prego! Grazie a te per queste parole.

    RispondiElimina