LO SCRITTORE, QUALSIASI GENERE EGLI SCRIVA, DEVE ESSERE TESTIMONE DELLA STORIA, PERCHE' IN OGNI ROMANZO SI CELA LA VERITA' DELLA REALTA'.

martedì 3 gennaio 2012

LA PROFEZIA DEI MAYA - E allora?

Image and video hosting by TinyPic


DOVREI AVERE PAURA DELLA FINE DEL MONDO?

Metti pure che la profezia stavolta faccia centro e che il 21 deicembre 2012 ci sveglieremo tutti a colpi di vendetta divina. Bisogna averne apaura? Ma paura di cosa? Di veder spazzato via questo mondo disgustoso e senza sbocchi, dove il peggio dilaga a a scapito del meglio? Io non ho paura dell fine del mondo, credo anzi che una bella ripulita non potrebbe che farci bene, con l'unica speranza (forse ingenua) he resistano i migliori, cioè noi. Credo sia ora di finirla con il controllo indiscriminato della vita della gente, a livello micro sociale come macro sociale. I governanti di questo mondo non sono governanti, ma vampiri posti su scranni d'oro e intoccabili. La fame nel mondo non finisce semplicemente perchè non c'è interesse a farla finire. L'inquinamento è sempre più impellente semplicemente perchè inquinare significa guadagnare per millantare delle bonifiche inesistenti. Il rispetto per la vita è ormai vago ricordo: non si rispettano i bambini, gli animali, gli anziani, noi stessi. Vige la legge del più bello, neppure del più fotte (che sarebbe naturale, se consideriamo che l'Uomo è animale), solo del più bello e il cervello è andato in vacanza tanto tanto tempo fa. I modelli proposti ai giovani sono puttane e nullafacenti che scorreggiano  in televisione; il lavoro offerto è quello dei servi di se stessi; gli stipendi sono iniqui, una presa in gito che porterebbe volentieri a rifiutarli per non essere offesi moralmente. Il mondo va così e l'Italia ci sta dentro. Colpe o non colpe, ci hanno tolto tutto, la nostra dignità è stata venduta al miglior offerente, le famiglie sono in ginocchio e si pretende che ancora, stupidamente, caparbiemente, si abbia speranza. Non ce n'è di speranza qui da noi, non c'è più scampo e mi irritano i sorrisetti sufficienti, quando qualcuno ipotizza un complotto mondiale che ha messo in cima alla piramide sociale alcune famiglie scellerate che gestisono affari ed esistenze. Qualcuno dice che persino le catastrofi naturali non sono tali, ma pilotate per mettere in ginocchio economie e popoli e poi simulare interventi di salvataggio. Io ci credo. Ci stanno prendendo in giro e si aizzano come cavalli imbizzarriti quando uno o due di noi dice la verità, vuoi con ironia, vuoi con serietà. Non faccio nomi, ma è facile comprendere i rischi cui stiamo andando incontro, in passato popoli fieri e stanchi hanno versato sangue per molto memo, il buonismo trattiene le masse, ma ci sono alcuni che non fanno parte delle masse, bisognerebbe preoccuparsi e allentare la presa. Invece no, continuano a farci a pezzi e poi si meravigliano se sanguiniamo. Tutto questo mi fa schifo e spero davvero che qualcosa, qualcuno, spazi via tutta questa inutile retorica mondiale e nazionale, che venga sul serio la necessità di dover soprvvivere a scapito di tutti questi balzelli morali e materiali che rendono ogni giorno pesante e inutile. Abbasso il capo in segno di rispetto, cosa che loro non fanno, davanti alle tragiche notizie di suicidi per motivi econoimici. Il suicidio non è mai stata cosa giusta, resta una scelta triste e terribile, ma morire per amore è forse più accettabile che morire per colpa di uno Stato che falcidia e opprime, uno Statio che sta accettando la venuta nefasta del Quarto Impero, proprio come in passato ha accettato quella del Terzo Impero. E chi vuole capisca, chi vuole ignorare, non si lamenti. Una sindacalista dice che c'è il rischio di tensione sociale. Ma si sa cos'è la tensione soaciale? Si ha idea di cosa questa donna lungimirante sta dicendo? Tensione sociale è stato il Terrore in Francia, la rivoluzione in Russia, l'ascesa di Hitler in Germania... continuamo con la lista? Tensione sociale, senza fare salti temporali, è ciò che sta succedendo in Medio Oriente. Ci stiamo dentro e la benzina sale, la luce sbotta, il gas è incomprabile, il pane... sta iniziando a mancare. Però la sindacalista è esagerata! E' comodo, molto comodo...
Allora di cosa devo avere paura, ammesso e non concesso che i Maya facciano centro? Di morire sotto il meteorite? Stamo morendo sotto ben altro, solo che con il meteorite ho una possibilità di trovare un anfratto e salvarmi la pelle, in questa situazione l'anfratto me lo pignoirano, se non ci pago le tasse!

1 commento:

  1. Brava Barbara meriti un applauso hai detto il vero con l'impeto, l'indignazione che appartiene ai giusti ... la Storia si ripete e noi giochiamo a fare i burattini perché ci hanno tolto anche la dignità di lamentarci!

    RispondiElimina